MediaCenter

conferenzastampapalazzojung1

Newsletter

Nome:

Email:

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: DAL PROGETTO RIABILITATIVO AL PROGETTO DI VITA.

Comitato Scientifico: Dott.ssa Giovanna Gambino – Neuropsichiatra infantile

                                           Dott.ssa Renata Pitino - Neuropsichiatra infantile

Docenti: Dott.ssa Giovanna Gambino – Neuropsichiatra infantile

                  Dott.ssa Marina Bellomo – Psicologa-Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale

                  Dott.ssa Francesca Paola Di Maria – Logopedista

                  Dott.ssa Monia Russello – Logopedista

                  Dott.ssa Daniela Maria Contrino – Tecnico della riabilitazione psichiatrica

PRIMA GIORNATA - 13 FEBBRAIO 2016

08.30 : PRESENTAZIONE CORSO E OBIETTIVI

Dott.ssa Gambino – Neuropsichiatra Infantile

09.00: I Disturbi dello Spettro Autistico e il DSM 5.

11.00: PAUSA

11.15: Disturbi Neuroevolutivi: le traiettorie individuali.

13.30: PAUSA PRANZO

14.30: Comorbidità e Diagnosi differenziali.

16.00: PAUSA

Dott.ssa Bellomo – Psicologa-Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale

16.15: Aree di forza e di debolezza-Valutazione

18.30: chiusura lavori

 

SECONDA GIORNATA - 14 FEBBRAIO 2016

Dott.ssa Bellomo – Psicologa-Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale

09.00 : Tecniche e trattamenti per i Disturbi dello Spettro Autistico

11.00 : PAUSA

11.15: Interventi terapeutici: individuali e di gruppo

12.45: Interventi in assetto laboratoriale.

14.00: CHIUSURA LAVORI

TERZA GIORNATA - 27 FEBBRAIO 2016

Dott.ssa Di Maria – Logopedista

Argomento: Lo sviluppo comunicativo - linguistico da 0 a 36 mesi

9.00 - Dalla suzione al linguaggio: sviluppo delle abilità orali motorie e verbali motorie

10.00 - Maturazione del controllo motorio e senso-percettivo: le prassie

11.00 Pausa

11.15- Il gioco

12.15 - Identificazione precoce dei bambini a rischio

13.15 Pausa pranzo

Argomento: Il deficit comunicativo-linguistico

14.15- Inquadramento, criteri eziologici e caratteristiche comportamentali

Argomento: Osservazione e valutazione formale

15.15- Criteri di osservazione in contesto ecologico e interpretazione dei dati

16.15- Valutazione oromiofunzionale e delle caratteristiche verbali generali

16.15 Pausa

Argomento: Presa in carico e trattamento logopedico

16.30 - Approcci terapeutici e stesura del programma individualizzato

Argomento: Il disturbo semantico-pragmatico

18.00 - Esperienze di trattamento in piccolo gruppo

18.30: Chiusura lavori

QUARTA GIORNATA - 28 FEBBRAIO 2016

Dott.ssa Russelo-Logopedista

9.00: Training alla comunicazione nell’autismo: il comportamento verbale

10.00: Gli operanti verbali: visione di casi clinici ed esercitazione pratica

11-15 pausa

11.15: La Comunicazione aumentativa alternativa: PECS e Linguaggio dei segni

14.00 chiusura dei lavori

QUINTA GIORNATA     12 MARZO 2016

Dott.ssa Contrino- Tecnico Della Riabilitazione Psichiatrica

09.00: L’intervento precoce nel bambino con Autismo: il Modello Denver

10.00: Dalla valutazione alla stesura del piano di intervento e la definizione degli obiettivi di apprendimento.

11.30: PAUSA

11.45 : Esercitazione pratica sullo sviluppo di un piano di intervento

13.30:   PAUSA PRANZO

14.30 : Tecniche di base per strutturare l’intervento e favorire lo sviluppo di abilità imitative, di gioco e sociali

16.00: PAUSA

16.15: esercitazioni pratiche e discussione casi

18.30: CHIUSURA DEI LAVORI

SESTA GIORNATA   13 MARZO 2016

Dott.ssa Contrino- Tecnico Della Riabilitazione Psichiatrica

9.00: I primi passi verso l’autonomia: il lavoro indipendente per l’apprendimento dei prerequisiti per l’autonomia.

10.00: Tecniche, strategie e interventi individualizzati per le abilità di autonomia.

11.30: Pausa

11.45: Esercitazioni pratiche e discussione casi

14.00: chiusura lavori

Obiettivo principale del corso è fornire conoscenze teoriche e pratiche per la presa in carico di bambini con Disturbo dello Spettro Autistico, dalla diagnosi precoce alla creazione di percorsi evolutivi individualizzati. Alla fine del corso i partecipanti saranno in grado di individuare le strategie più efficaci, mirate all’acquisizione di competenze specifiche di sviluppo nella comunicazione, nelle abilità sociali e nelle autonomie, al fine di promuovere piani di intervento multidisciplinari che guidino lo sviluppo del bambino con Disturbo dello Spettro Autistico.